Adidas Italia Nmd Prestazione Scarpe cs1 Bianco 29IDWEYH

Uomo Rossoadidas Zalando Nero E 750 Zx Scarpe Adidas 08wknOP

Mondi educativi. Temi indagini suggestioni

Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp

LA NUOVA CALL

Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp
Support Eqt Nero Scarpe AdidasItalia 9118 3ARL5j4
Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp
Adidas Negozi ProvinciaOutlet E A Abbigliamento Bologna jqSLpUMVzG Interventi Da Borse Scarpe Amazon itAdidas Sneaker DonnaE Grigio yb6gYf7
Dal bambino creativo al bambino cosmico
di Franca Pinto Minerva   

DOI: 10.12897/01.00061

 

 

È nostro interesse comprendere i margini di innovatività che, pur a distanza di anni, ancora risiedono nella valorizzazione montessoriana del potenziale creativo dell’infanzia. Tali margini potrebbero infatti orientare l’eticità della società e della cultura del futuro e salvare l’umanità (la sapiente gestione della relazione uomo-mondo) grazie all’intervento del bambino, “padre dell’uomo”. La consapevolezza di questo compito etico rinvia a una educazione cosmica in grado di offrire al bambino una visione unitaria della complessità del suo stesso essere, in cui si interconnettono e intrecciano mano e pensiero, mente e cuore, persistenza e divenire, intelligenza e creatività. Uno degli obiettivi più urgenti per la ricostruzione della società è pertanto la ricostruzione dell’educazione a partire dagli ambienti di vita entro cui praticarla.

Scarpe Lo Acquistaremicrochip Condividi Adidas52Offamp; Sconto 80vmNnw

 

3 Size Wars Superstar Trainers Star Adidas Infant Boys Uk Originals jL5q3A4R

It is our interest to understand the margins of innovation that reside in the enhancement of the creative potential of childhood by Montessori Method. These margins may to guide ethical principles of the society and culture of the future and save humanity (the wise management of the man-world) for intervention of the child, “father of man”. The awareness of this ethical task leads to a cosmic education that can offer the child a unified view of the complexity of his own being, which are interconnected and intertwined hands and thought, mind and heart, static and persistence, intelligence and creativity. One of the most urgent for the reconstruction of society is reconstruction of education in the environments in which children lives.

 

1. Il potenziale creativo dell’infanzia

 K Carbon B75752 Hoops Onix Adidas 2 Uomo Clowhi Mid 0 Sneakers iTkuOPXZ

Nonostante la consapevolezza dell’inesauribile attualità delle sue opere che continuano instancabilmente a offrire preziosi elementi di riflessione per chi si occupa di formazione non è facile ripercorrere l’esperienza educativa di Maria Montessori. Non lo è perché i suoi molteplici percorsi di studio e di formazione conducono di volta in volta a ricostruirne il pensiero attraverso diversi sguardi interpretativi, che ben si conciliano con la complessità del suo sapere pedagogico e didattico. Una complessità che solitamente viene ricondotta all’appassionata dedizione con cui la stessa Montessori ha continuamente ricostruito e revisionato la sua opera, arricchendola con apporti concettuali sempre più innovativi, ma che forse va rintracciata soprattutto nella pluralità dei suoi interessi di ricerca e nella poliedricità dei suoi studi pedagogici, che si sono sempre nutriti delle contaminazioni con le diverse scienze e con i diversi ambiti disciplinari in cui la pedagogista si è formata.

Fu in particolare l’intima connessione tra studi psicologici e studi psichiatrici, alla base della sua formazione medico-scientifica, a sviluppare in lei una passione per il sapere antropologico e per la sua utilizzazione nel settore della pedagogia degli anormali, che negli anni la portò a sviluppare un approccio scientifico in ambito didattico e a maturare straordinarie intuizioni sull’educazione infantile. Grazie a questi interessi scientifici la Montessori cominciò a dimostrare che la medicina non era sufficiente per migliorare la condizione di disagio di una larga fascia di popolazione infantile e soprattutto che la causa di alcuni disturbi non poteva essere solo di carattere biologico, ma andava ricondotta a fattori culturali e all’incapacità dell’ambiente educativo di sviluppare il potenziale creativo dell’infanzia, da lei considerato una facoltà inerente alla natura dell’essere umano, una miscela di sensorialità e sensualità, di logica e fantasia, di ragione e immaginazione, di convergenza e divergenza, capacità di avanzare ipotesi e invadere i territori inesplorati dell’inedito e del futuro. La sua sorgente – diceva la Montessori – è nel caos fantastico della mente del bambino, che dall’indifferenziato del primo nucleo di energia vitale, attraverso sviluppo ed educazione, si dispiegherà nelle complesse e articolate facoltà della mente, del cuore, dell’immaginario, dell’utopico. «È perciò incomprensibile – come era solita sostenere – che la meravigliosa forza creatrice del bambino sia stata per tanto tempo ignorata» (Montessori, 1952, p. 74), non considerando come esso sia la reale, e forse unica, risorsa per affrontare le criticità e le contraddizioni di un’epoca povera di valori, che ha bisogno di nuove etiche per rimettere al centro l’inviolabilità del soggetto-persona: «solo il bambino può aiutare l’umanità a risolvere una grande quantità di problemi sociali e individuali. Il bambino è padre dell’umanità e della civilizzazione» (Ibidem, p. 74).

La creatività dell’infanzia inizia ad agire sin dalla nascita anche se essa rimane per lungo tempo celata e protetta dagli sguardi adulti. Tuttavia, le incredibili performance che si preparano in tale silenzio ci restituiscono la consapevolezza che l’infanzia fa tutto tranne che restare immobile. Come se il bambino avesse nella sua culla così tanto da fare e da inventare, così tanto da creare da non potersi permettere di essere distratto dal mostrare il grande lavoro che realizza giorno per giorno. E tutto ciò non sarebbe possibile se non si attingesse a quelle straordinarie risorse che riposano nella “mente assorbente” del bambino, «meraviglioso dono dell’umanità» (Montessori, 1993, p. 88), che gli consente di assorbire stimoli semplicemente “vivendo” nell’ambiente.

Mettere in primo piano la dimensione assorbente della mente del bambino significa sottolineare come gli apprendimenti di questa particolare fase della vita siano legati al doppio vincolo della “potenzialità creatrice del bambino”, per lo più geneticamente “pronta all’uso”, e della esposizione a un’offerta culturale ricca, diversificata, attiva. Fin dalla nascita la mente del bambino è affamata di conoscenze e di esperienze. Egli assorbe dal mondo tutto quanto si offre alla sua attenzione seguendo le leggi naturali del suo sviluppo. Ciò significa che mentre “subisce” il mondo, il bambino al contempo lo struttura. Crea, in altre parole, il suo modo di essere nel mondo attraverso la messa in opera di “sapienti energie sovrumane”, come le chiama la Montessori utilizzando un linguaggio metodologicamente più suggestivo che descrittivo. Sono queste energie che rendono l’uomo spontaneamente ricettivo a partire dalla primissima infanzia, quando il potenziale creativo della mente del bambino è in uno stato di ribollente e “nebuloso” disordine. Un disordine che, a ben guardare, rappresenta la fase aurorale della vita, da cui muovono tutte le realizzazioni future dell’essere umano. Questa la base dello sviluppo della vita psichica umana. Questo, dunque, il "segreto dell’infanzia" che la Montessori ha voluto consegnarci, evidenziando in più occasioni lo straordinario funzionamento della mente infantile: una vera e propria esplosione in cui il bambino, dopo aver assorbito con la sua mente, dal mondo della vita, materia, energia, informazione, rielabora il tutto per riemergere creativamente, mettendo nuovamente a disposizione del cosmo quanto precedentemente assorbito. Non si tratta, dunque, di una creazione ex nihilo da parte del bambino. Egli ha bisogno degli elementi base per poter creare. Ha bisogno di imparare a percepire, discriminare, riprodurre suoni e forme; di imparare a fare associazioni; di intuire la danza combinatoria degli elementi che strutturano i codici, i saperi, le conoscenze, le visioni del mondo. In queste attività, per mezzo delle quali il bambino si impadronisce del mondo, si manifesta la dimensione propria dell’infanzia, racchiusa in quelle zone di confine in cui l’esercizio si realizza in forma ludica, l’assorbimento si declina in espressioni creative, la realtà si rivela nelle forme dell’immaginazione, le funzioni cognitive convivono con le funzioni espressive. Per questo motivo le azioni del bambino vanno lette nell’ottica di quel principio cosmico grazie al quale il suo mondo si trasforma e si rinnova attraverso un cammino di continua metamorfosi.

Quella che l’infanzia ci rinvia è un’idea di mondo ludico, amorevole e solidale, in cui non vi sono scissioni e separazioni e in cui gli opposti riescono a comunicare nell’ottica di una realtà utopicamente liberata da limiti e vincoli che opprimono le manifestazioni della creatività umana.A Adidas Toe Superstar Metal Up b7I6mfgvYy

 

Donna Scarpe Sport Adidas Nike Twdqt1z Puma OPXZn80wNk

2. Sensibilità cosmica e solidarietà umana

 

È nostro interesse comprendere i margini di innovatività che, pur a distanza di anni, ancora risiedono in tale concezione, margini che potrebbero essere in grado di orientare, se non di decidere, della eticità stessa della società e della cultura del prossimo futuro, che potrebbero salvare l’umanità dell’uomo (la sapiente gestione della relazione uomo-mondo) grazie all’intervento del bambino “padre dell’uomo”, come lo definisce la stessa Montessori.

In quanto pedagogisti abbiamo la responsabilità di proteggere la natura plastica e nebulosa dell’infanzia perché, finché dura, il bambino stesso scopra naturalmente e gradualmente le possibilità insite nel proprio patrimonio di strumenti sensoriali e relazionali, cognitivi ed emotivi, attraverso il percorso della vita, fatto di altalenanti evoluzioni e involuzioni. Un percorso tortuoso (per le diverse vie utili a giungere a un analogo risultato), pieno di biforcazioni (per le differenziazioni e le divergenze possibili) e di brusche interruzioni (per i vicoli cechi e i fallimenti sempre dietro l’angolo). Un percorso che, quando misconosciuto e, al limite, finanche negato nella sua complessa creatività, si ripercuoterà in modo indelebile sulla futura vita adulta, minando talenti, riducendo opportunità, compromettendo progettualità; al contrario, promuovendo docilità, favorendo ubbidienza passiva, divulgando pensiero autoritario e intollerante.

«Toccare il bambino vuol dire toccare il punto più sensibile di un tutto, che ha le radici nel più remoto passato e si dirige verso l’infinito del futuro. Toccare il bambino vuol dire toccare il punto più delicato e vitale, dove tutto si può decidere e rinnovare, dove tutto ridonda di vita, in cui si trovano chiusi i segreti dell’anima, perché ivi si elabora l’educazione dell’uomo» (Montessori, 1989, p. XIII). All’adulto spetta dunque il dovere di consentire al bambino di abitare la complessità e di coglierne i versanti più creativi e costruttivi, accanto alla considerazione di quelli più omologanti e distruttivi. È la possibilità di avere e di fare esperienza della complessità della rete che sottende l’intero cosmo a rendere gli stessi bambini “cosmici”. E questo nella misura in cui essi stessi evolvono competenze di cura per la natura e per l’ambiente di vita, e dunque anche per se stessi e per la differenza, che nel suo essergli accanto si costituisce come alterità; li costituisce come identità.

Educare il “padre dell’uomo” al rispetto della complessità, alla consapevolezza sistemica della relazione uomo-natura, alla gestione delle tensioni riorganizzative della triade cultura-storia-natura significa promuoverne tout court il passaggio da esso (il bambino) al suo figlio (l’uomo).

«Ecco dunque che il nostro primo maestro sarà il bambino stesso, o meglio lo slancio vitale con le leggi cosmiche che lo conducono inconsciamente: non ciò che noi chiamiamo “la volontà del bambino”, ma il misterioso volere che dirige la sua formazione» (Montessori, 1993, p. 24).

Le caratteristiche proprie dell’infanzia montessoriana, dunque, rendono conto dei margini di percorribilità di una azione educativa che, affrontando in primo luogo i problemi della esperienza e della conoscenza della dimensione vitale più materica e organica di tutti gli elementi della natura, conduca il bambino a dirigersi in autonomia e in progressione crescente verso la scoperta, il riconoscimento e la tematizzazione dei nessi qualificanti i fenomeni naturali in direzione di una vita qualificata, in una prospettiva che innesta la cultura nella natura e, contemporaneamente, la natura nella cultura. La Montessori rappresenta, dunque, un asse portante per una pedagogia che non è difficile riconoscere nel suo esser votata alla riumanizzazione della relazione io-mondo. Riconoscere la pluralità degli snodi e dei vincoli connettivi in fondo significa tener presente proprio quella rete della vita che tanta “pedagogia ecologica” ancora stenta a saper tradurre in formae mentis, forse perché ignara degli sviluppi di una “sensibilità ecologica”, che già si manifestano a partire dalla primissima età. È nel bambino che si ritrova, infatti, la via «per raggiungere l’unità tra gli uomini del mondo» (Ibidem), perché il bambino è «forza universale, è sorgente di amore e di sentimenti elevati» (Ibidem).

Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp

L’obiettivo, evidentemente, è quello di muovere verso un nuovo umanesimo, un bio-umanesimo che sappia finalmente tener conto non solo dell’umano, ma della relazione fraterna e paritaria tra umano e non umano. Ove è chiara la finalità educativa quando la Montessori dice che «se abbiamo una visione del piano cosmico in cui ogni forma di vita poggia su movimenti intenzionali aventi uno scopo non solo in se stessi, potremo capire e dirigere meglio il lavoro del bambino» (Montessori, 2009, p. 148). Tale rinnovato rapporto di cooperazione tra uomo e natura – un rapporto smarrito nell’affermarsi di una scissione che nella Modernità ha legittimato ulteriori marginalizzazioni e gerarchizzazioni di una specie sull’altra, di una cultura sull’altra, di un genere sull’altro – implica la consapevolezza che ogni forma di vita è collegata all’altra. Di qui, per la Montessori, un’educazione in grado di rendere operativa la “collaborazione di tutti gli esseri animati e inanimati” (Montessori, 1970a, p. 14) e di rendere responsabile l’uomo del suo specifico ruolo nel processo evolutivo cosmico.

La consapevolezza di questo compito rinvia a una "educazione cosmica" in grado di offrire al bambino una visione unitaria della complessità del suo stesso "essere cosmico", in cui si interconnettono e intrecciano mano e pensiero, mente e cuore, persistenza e divenire, intelligenza e creatività. Uno degli obiettivi più urgenti per la ricostruzione della società è, pertanto, la ricostruzione dell’educazione a partire dagli ambienti di vita entro cui praticarla. Di qui l’invito: «diamo [all’infanzia] una visione dell’intero universo. L’universo è una realtà imponente e una risposta a tutti gli interrogativi. Cominceremo insieme per questa strada della vita, perché tutte le cose fanno parte dell’universo e sono connesse tra loro per formare un tutto unico» (Montessori, 1970b, p. 19). Ed è così che il bambino cosmico si pone come sfida formativa in prospettiva utopica di un mondo ove la storia del cosmo, delle società e delle culture aprano a un saper vivere pacificato fra tutte le forme di vita.

 

Bibliografia

Scarpe A Adidas Superstar Online Prezzi Argento acquista dtshQr

 

AA.VV. (1950). La formazione dell’uomo nella ricostruzione mondiale. Atti dell’VIII Congresso Internazionale Montessori. Roma: Ente Opera Montessori.

Montessori, M. (1970a). Educazione per un mondo nuovo. Milano: Garzanti. (Original work published 1946).

Montessori, M. (1970b). Come educare il potenziale umano. Milano: Garzanti. (Original work published 1947).Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp

Montessori, M. (1989). Il segreto dell’infanzia. Milano: Garzanti. (Original work published 1936).

Montessori, M. (1992). L’autoeducazione nelle scuole elementari. Milano: Garzanti. (Original work published 1916).

Montessori, M. (1993). Formazione dell’uomo. Milano: Garzanti. (Original work published 1949).

Montessori, M. (2009). Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVpLa mente del bambino. Mente assorbente. Milano: Garzanti. (Original work published 1949).

Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp
 
Disney Scarpe Spider Adidas Bimbi I Unisex 24 Man 0 Cf Sportive qzMSUVp
Tot. visite contenuti : 1610431
Rivista semestrale edita dalla Progedit - Progetti editoriali s.r.l.
via De Cesare 15 - 70122 Bari - t. 0805230627 f. 0805237648 - www.progedit.com
Reg. Tribunale di Bari n°43 del 14 dicembre 2011 - ISSN 2240-9580